fbpx

Sicurezza sul lavoro, le modifiche al Decreto Legislativo 81/2008

 In News

Per cercare di contrastare il fenomeno delle numerose morti bianche avvenute negli ultimi mesi è stato recentemente approvato il Decreto Legislativo 21 ottobre 2021, n. 146, che introduce Misure urgenti in materia economica e fiscale, a tutela del lavoro e per esigenze indifferibili.

Il decreto è intervenuto nella normativa sulla sicurezza sul lavoro, modificando l’attuale Testo Unico della Sicurezza, in particolar modo sugli aspetti della vigilanza e delle sanzioni. “…le modifiche sono finalizzate a incentivare e semplificare sia l’attività di vigilanza in materia di salute e sicurezza su lavoro sia il coordinamento dei soggetti competenti a presidiare il rispetto delle norme prevenzionistiche”.

In seguito le novità più importanti:
• estensione competenze Ispettorato nazionale del lavoro e coordinamento con Asl nella vigilanza, con modifiche al DPCM del 21 dicembre 2007;
• diminuzione della percentuale di lavoratori in nero (dal 20% al 10% ) sufficiente alla sospensione dell’attività imprenditoriale;
• sospensione immediata e senza recidiva per illeciti gravi in materia di salute e sicurezza, impossibilità di contrattare con la PA, ripresa delle attività dopo ripristino condizioni di regolarità e pagamento sanzione, che sarà doppia con recidiva negli ultimi cinque anni.

L’Ispettorato nazionale del lavoro adotta dunque un provvedimento di sospensione, quando riscontra che almeno il 10 % dei lavoratori presenti sul luogo di lavoro risulti occupato, al momento dell’accesso ispettivo, senza preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro nonché, a prescindere dal settore di intervento, in caso di gravi violazioni in materia di tutela della salute e della sicurezza del lavoro, come mostrato nella seguente tabella.
Oltre a quanto previsto dal Decreto 81/08 si applicano le seguenti sanzioni.

Fattispecie di violazione ai fini dell’adozione dei provvedimenti di cui all’articolo 14 IMPORTO SOMMA AGGIUNTIVA
Mancata elaborazione del DVR € 2.500
Mancata elaborazione del Piano di Emergenza ed evacuazione € 2.500
Mancata formazione ed addestramento € 300 per ciascun lavoratore interessato
Mancata costituzione del servizio di prevenzione e protezione e nomina del relativo responsabile € 3.000
Mancata elaborazione piano operativo di sicurezza (POS) € 2.500
Mancata fornitura del dispositivo di protezione individuale contro le cadute dall’alto € 300 per ciascun lavoratore interessato
Mancanza di protezioni verso il vuoto € 3.000
Mancata applicazione delle armature di sostegno, fatte salve le prescrizioni desumibili dalla relazione tecnica di consistenza del terreno € 3.000
Lavori in prossimità di linee elettriche in assenza di disposizioni organizzative e procedurali idonee a proteggere i lavoratori dai conseguenti rischi € 3.000
Presenza di conduttori nudi in tensione in assenza di disposizioni organizzative e procedurali idonee a proteggere i lavoratori dai conseguenti rischi € 3.000
Mancanza protezione contro i contatti diretti ed indiretti € 3.000
Omessa vigilanza in ordine alla rimozione o modifica dei dispositivi di sicurezza o di segnalazione o di controllo € 3.000

Le somme aggiuntive sono raddoppiate nelle ipotesi in cui, nei cinque anni precedenti alla adozione del provvedimento, la medesima impresa sia stata destinataria di un provvedimento di sospensione.

Articoli Recenti